Bitcrusher: Come funziona e come usarlo

Scopriamo cos’è un Bitcrusher e il suo potenziale creativo nella produzione musicale. Ci può aiutare ad aggiungere texture, creare suoni lo-fi, distorcere, migliorare il ritmo e creare un senso di nostalgia utilizzando l’effetto Bitcrusher.

Cos’è un Bitcrusher

Un bitcrusher riduce la qualità di una registrazione, cercando di riprodurre un’attrezzatura audio scadente. Un normale CD audio ha 16 bit e 44,1 kHz e quindi è considerato hi-fi. I bitcrushers non solo riducono i 16 bit, riducendo i livelli di volume possibili, ma anche i kHz, riducendo il dettaglio del suono. Quindi, invece di una riproduzione naturale del suono, c’è solo un’approssimazione con mezzi limitati.

Per maggiori informazioni su frequenza di campionamento e bitrate questo articolo può esserti d’aiuto.

Un paragone bello ed esagerato sarebbe quello di usare una foto come modello. L’immagine originale è a colori e mostra, ad esempio, un prato con un albero e una casa.

Se ora si riducono i 16 bit, il numero di colori si riduce sempre di più. Esistono naturalmente diversi algoritmi che, ad esempio, eliminano lentamente i colori in modo da lasciare solo le scale di grigio e poi li riducono fino a lasciare solo il bianco e nero. Oppure i colori vengono semplicemente rimossi dall’immagine in modo che, ad esempio, alla fine rimangano solo il giallo e il rosso.

Rispetto ai 44,1 kHz e all’immagine, si ridurrebbe la risoluzione dell’immagine, cioè il numero di pixel presenti nell’immagine. L’immagine diventa quindi sempre più pixelata e grossolana (risoluzione), finché alla fine si possono vedere solo grandi rettangoli grossolani, attraverso i quali l’immagine non è più riconoscibile.

I parametri di un Bitcrusher

Tutti i plugin bitcrusher hanno almeno due parametri con cui giocare: riduzione della frequenza di campionamento (Rate) e riduzione della risoluzione (Bits).

Parametro Rate

La riduzione della frequenza di campionamento può essere chiamata “Rate Crush”, “Downsampling” o semplicemente “Rate”, a seconda del plugin…

Ma tutti fanno la stessa cosa, cioè ridurre il numero di campioni utilizzati per approssimare il segnale originale.

Le moderne DAW lavorano in genere a una frequenza di campionamento di 44,1 kHz (cioè 44.100 campioni al secondo). Quando si esegue il “downsample”, si trasmettono semplicemente un numero inferiore di campioni al secondo.

Il risultato è un suono di qualità inferiore:

Diminuzione della frequenza di riproduzione – Downsampling (parametro Rate)

Parametro Bits

La riduzione della risoluzione, invece, può essere chiamata “profondità”, “profondità di bit”, “bit” o “bit crush”, sempre a seconda del plugin.

Senza entrare troppo nel tecnico, la riduzione della profondità di bit limita essenzialmente i valori disponibili tra cui scegliere.

Nel nostro esempio di onda sinusoidale, potremmo scegliere solo tra 5 valori: 10, 5, 0, -5 e -10.

Questo aggiunge rumore e sfocatura al suono:

Diminuzione della risoluzione – “bit crush” (Parametro Bits)

Come usare un Bitcrusher nella produzione musicale

Un bitsrucher può essere utilizzato creativamente in un sacco di modi durante il processo di creazione musicale. Qui elenco le prime che mi vengono in mente:

Aggiungere texture: Il bitcrushing può essere utilizzato per aggiungere texture e carattere a un suono, in particolare alla batteria e agli elementi percussivi come rullanti e hi-hat, conferendo un’atmosfera retrò o vintage.

Creazione di musica Lo-Fi: il bitcrushing può essere utilizzato per creare un suono lo-fi riducendo la profondità di bit e la frequenza di campionamento di un segnale audio. Questo può essere usato per creare un suono nostalgico o vintage, popolare in generi come l’hip-hop e la musica elettronica.

Effetto Robot: Il bitcrushing è un ottimo modo per creare il classico effetto di voce robotica. Sebbene sia frequente l’uso della del vocoder. Prova a ridurre la frequenza di campionamento finché la voce non assume una qualità digitale frastagliata, come provenisse da un vecchio Gameboy.

Semplice distorsione: Il bitcrushing può essere utilizzato per creare un suono distorto riducendo la profondità di bit e la frequenza di campionamento a livelli estremi. Questo può essere usato per aggiungere un senso di aggressività o di caos a un suono, specialmente alla chitarra e al basso.

Aggiungere profondità: Il bitcrushing può essere usato per aggiungere profondità e movimento a un suono automatizzando l’effetto nel tempo. Questo può creare un senso di movimento e interesse per un suono che altrimenti sarebbe statico.

Migliorare il ritmo e groove: applicando l’effetto bitcrushing a specifici elementi ritmici di una traccia, si può contribuire a migliorare il ritmo e il groove di un brano, facendolo risaltare maggiormente nel mix.

Creare un senso di nostalgia: il bitcrushing può essere utilizzato per creare un senso di nostalgia emulando il suono di apparecchiature di registrazione vecchie o di bassa qualità.

Migliori Bitcrusher VST

Bite di Denise

Denise Bite è un plug-in bit-crusher flessibile che consente di aggiungere alle tracce una distorsione digitale sottile o meno.

Progettato per passare senza problemi da 32 bit a 1 bit, è dotato di un controllo “analogico” continuo che attenua le pendenze digitali causate dal processo di quantizzazione.

Insieme all’impostazione multibanda a pendenza variabile e all’opzione di collegamento stereo, Denise Bite è uno strumento fluido e versatile che combina il meglio del mondo analogico e digitale.

Bite è un bitcrusher molto economico ma con un gran suono, viene venduto a 15 euro.

Redux di Ableton

bit crusher ableton
Bit crusher di Ableton – Redux

Redux è un effetto che degrada la qualità del suono utilizzando il downsampling o la riduzione dei bit. È un effetto simile a quello di un bitcrusher, ma ha una sensazione diversa.

BitCrush Snapin di KiloHeartz

Bitcrush può riportarvi all’hardware digitale del passato. Simula la riproduzione audio con un campionatore di bassa qualità con frequenza di campionamento e profondità di bit limitate.

Questo plugin è uno snapin, il che significa che può essere utilizzato come un normale plugin VST / AU o con gli host snapin di KiloHeartz come Snap Heap e Multipass.

Si tratta di un bitcrusher molto facile da usare, in quanto contiene solo sei diversi controlli e basta!

Krush

Krush è un bitcrusher per Mac OS X e Windows, disponibile nei formati Audio Unit, VST e AAX.

Con i suoi algoritmi di bit-crushing e downsampling, Krush è stato progettato per combinare il sapore croccante del dominio digitale con il calore del suo stadio di pilotaggio e dei filtri risonanti modellati analogicamente.

Una sezione di modulazione consente all’utente di modulare qualsiasi parametro. Si dice che la tavolozza sonora prodotta da Krush spazi dagli effetti digitali sporchi ai colori modulati e croccanti, con tutti gli effetti di frantumazione dei bit nel mezzo.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

99 − 96 =