LFO: cos’è e come puoi usarlo nella tua musica

Così come gli inviluppi, gli LFO sono una delle fonti di modulazione di un sintetizzatore, utilizzati per influenzare e controllare automaticamente altre impostazioni.

Ma ci sono alcune importanti differenze. Come funziona un LFO, come configurarlo e utilizzarlo correttamente e cosa può fare per il tuo sound design lo scopriamo in questo articolo.

Che cos’è un LFO?

L’abbreviazione LFO sta per “Oscillatore a bassa frequenza“.

Un LFO è un oscillatore che oscilla a una frequenza inferiore rispetto agli oscillatori utilizzati per produrre il suono. Nella maggior parte dei casi, la frequenza degli LFO è al di sotto dell’intervallo udibile dall’uomo, ovvero inferiore a circa 20 Hz.

Tuttavia, esistono anche LFO la cui gamma di frequenza si estende fino alla gamma udibile, come nel caso dell’ LFO Design del suono apre interessanti possibilità.
A differenza degli oscillatori principali, un LFO non viene utilizzato per produrre oscillazioni udibili. Invece, la sua oscillazione viene utilizzata per influenzare i parametri del suono come per esempio: il cutoff del filtro, il pitch o il volume.

Ciò significa che gli LFO, come gli inviluppi, appartengono alle modulazioni audio. A differenza dell’inviluppo, che percorre una curva regolabile una volta sola, l’LFO genera una curva di segnale di modulazione ciclico e ricorrente. Questo permette di creare effetti come il vibrato, il tremolo e altro ancora.

Ti può interessare: Cosa sono gli oscillatori

Quali parametri possono essere modulati da un LFO?

Come per gli inviluppi (ASDR), questo dipende molto dalla flessibilità del sintetizzatore e dalle possibilità che offre per collegare le fonti e le destinazioni di modulazione.

Con la maggior parte dei sintetizzatori è possibile effettuare almeno una modulazione LFO dei tre parametri più importanti.:

  • Pitch (altezza dell’oscillatore)
  • Cutoff dei filtri
  • Volume

Se un sintetizzatore offre una Pulse Width Modulation (PWM) anch’esso può essere controllato dall’LFO.

Nei sintetizzatori con possibilità di modulazione flessibile, come ad esempio i Mod Matrix, può essere utilizzato anche per controllare numerosi altri parametri, come il volume degli oscillatori nel mixer, Impostazioni degli effetti o anche le impostazioni degli LFO stessi. In questo caso, le possibilità dipendono interamente dal sintetizzatore utilizzato.

Ti può interessare: Sintetizzatore modulare: cos’è e quello che devi sapere.

Forme di oscillazione possibili con un LFO

Le forme di oscillazione offerte da un LFO dipendono dal rispettivo sintetizzatore. Di solito, troverai una selezione delle stesse forme di oscillazione di base che uguale ai normali oscillatori.

Le forme di oscillazione vengono commutate con un interruttore o un pulsante, tuttavia, esistono anche sintetizzatori i cui LFO consentono un utilizzo continua delle forme di oscillazione.

Triangolo (Triangle)

Un LFO con una forma di oscillazione a triangolo produce un segnale di modulazione fluido e uniforme, che si addice numerosi scopi. Le applicazioni classiche di un LFO con oscillazione a triangolo sono, ad esempio, il vibrato (modulazione dell’altezza), la modulazione dell’ampiezza degli impulsi o l’auto-pan.

Modulazione del pitch con oscillazione triangolare
onda triangolare
Oscillazione a triangolo (Triangle)

Seno (Sine)

Come nel caso del triangolo, il segnale di modulazione con un LFO con Onda sinusoidale è fluente. A differenza del triangolo, però, la modulazione non va linearmente dal minimo al massimo e viceversa, ma ha la forma di una curva. Puoi ascoltare una modulazione del pitch con un’onda sinusoidale e poi un triangolo come confronto. Il suono è simile, ma l’andamento della modulazione presenta sottili differenze.

onda seno
Onda sinusoidale (Sine)
Modulazione del pitch con oscillazione sinusoidale

Quadra (Square)

Un LFO con Onda quadra produce un segnale di modulazione che salta avanti e indietro tra due valori. Può essere utilizzato, ad esempio, per creare un trillo tra due note o per passare ritmicamente tra due valori di taglio del filtro.

Una modulazione ad onda quadra del volume si traduce in una Effetto Tremolo. In combinazione con i sequencer analogici, drum machine o sistemi modulari, un’oscillazione rettangolare può anche utilizzato come segnale Clock, per sincronizzare i vari dispositivi/strumenti con un tempo univoco.

Modulazione del pitch con onda quadra
onda quadra
Onda quadra (impulso)

Dente di Sega (Sawtooth)

Un LFO con Oscillazione a dente di sega produce un segnale di modulazione che sale dolcemente e poi scende bruscamente. Alcuni sintetizzatori offrono due versioni del dente di sega: una crescente e una decrescente (dente di sega inverso). Si utilizzano al meglio per le modulazioni ritmiche.

Modulazione del pitch con oscillazione a dente di sega (crescente)
onde Dentesega up
Oscillazione a dente di sega Up
Modulazione del pitch con oscillazione a dente di sega (in discesa)
onde Dentesega down
Oscillazione a dente di sega down

Casuale (Random) / Sample&Hold

Molti sintetizzatori offrono la modulazione LFO da valori che cambiano in modo casuale con una velocità regolabile. In base al circuito sottostante, questo viene spesso indicato come S&H. Si usa soprattutto per aggiungere un po’ di movimento ritmico agli elementi dei pad e dei droni.

Modulazione del pitch casuale (a gradini / sample&hold)
onda random
Onda casuale (Random)

Casuale (fluttuante)

Alcuni sintetizzatori offrono questa opzione, che prevede anche una progressione casuale, ma smussata. È adatto, ad esempio, per i battiti delicati che devono avere un effetto incontrollato e quindi “analogico”.

Soprattutto con i synth digitali e i VST, a volte è possibile trovare altre forme di oscillazione dell’LFO più particolari e forme di miscelazione che rendono possibili percorsi di modulazione più complessi. In questo articolo, tuttavia, ci concentreremo sulle oscillazioni più importanti.

Parametri utili del LFO

Frequenza e sincronizzazione del LFO

Oltre alla modalità di oscillazione, la modalità Velocità (frequenza) della modulazione è la seconda importante impostazione di un LFO.

Si utilizza con la maggior parte dei sintetizzatori, il termine utilizzato è Rate o Frequenza. Di solito si imposta con un comando rotativo o a scorrimento. Un dettaglio pratico di alcuni sintetizzatori è un LED che lampeggia con la frequenza dell’LFO o addirittura indica il corso dell’oscillazione attraverso la sua luminosità. In questo modo si ha un’impressione visiva della frequenza dell’LFO, che può essere particolarmente utile sul palco.

Per le modulazioni ritmiche, molti sintetizzatori offrono la possibilità di trasmettere la frequenza dell’LFO a dispositivi esterni come un sequencer o una DAW. Oggi, di solito, questo avviene tramite un Segnale di clock MIDI e più raramente tramite un segnale di clock (CV) analogico.

Se il sintetizzatore offre questa possibilità, i valori delle note in relazione al numero BPM possono essere solitamente impostati con il controllo della frequenza quando la sincronizzazione è attivata, cioè oscillazioni con una durata di un quarto di nota, un ottavo di nota, un sedicesimo di nota, ecc.

Gli LFO molto veloci, la cui velocità o frequenza può essere aumentata fino a raggiungere l’intervallo udibile, sono adatti per l’utilizzo di Modulazione di frequenza di oscillatori e filtri. Si tratta di un’area completamente nuova del sound design che apre nuove possibilità.

LFO Depth (Profondità)

L’intensità con cui l’LFO agisce sul parametro da controllare viene impostata nella maggior parte dei sintetizzatori con Profondità LFO, o Quantità LFO.

Questo controllo determina, ad esempio, se una modulazione dell’intonazione provoca solo lievi battiti o violente deflessioni.

Come per gli inviluppi, su diversi sintetizzatori non esiste uno standard uniforme per quanto riguarda la posizione di questo controllo.

Alcuni sintetizzatori hanno controlli separati per la modulazione dell’LFO nei vari parametri controllabili (ad esempio il cutoff del filtro, gli oscillatori, l’amplificatore).

Con altri sintetizzatori, si assegna l’LFO alle destinazioni desiderate all’interno della sezione LFO o tramite la matrice di modulazione e poi si controlla l’intensità della modulazione con il controllo Depth nella sezione LFO. In questo caso devi familiarizzare nuovamente con ogni sintetizzatore con cui viene utilizzato il metodo.

Sincronizzazione

Key sync

L’impostazione di sincronizzazione dei tasti (anche Key phase, Reset KB o simili) determina se l’LFO oscilla liberamente o se inizia a oscillare dall’inizio ogni volta che viene premuto un tasto.

L’impostazione che sceglierai dipende da come e se la modulazione dell’LFO deve essere inclusa dal punto di vista ritmico.

Gli LFO a oscillazione libera sono particolarmente adatti per modulazioni leggere senza riferimenti ritmici alle note suonate, ad esempio per modulazioni delicate dell’altezza per creare un carattere sonoro fluttuante.

Se l’LFO fa parte del carattere ritmico di un suono, ad esempio con i cosiddetti “wobble bass” e suoni simili, è necessario attivare il Key Sync.

Phase sync (Fase)

Oltre al parametro Key Sync, ci sono alcuni parametri Sintetizzatori la possibilità di spostare la fase dell’oscillazione dell’LFO (Spostamento di fase). Questo ti permette di determinare il punto dell’oscillazione dell’LFO in cui l’LFO inizia la sua oscillazione quando viene premuto il tasto.

Delay sync (Ritardo)

Alcuni sintetizzatori offrono la possibilità di ritardare l’uso dell’LFO nel tempo (Ritardo). Questa funzione è utilizzata soprattutto in relazione alla sincronizzazione dei tasti. Se questa impostazione è disponibile, puoi impostare qui il ritardo con cui l’LFO viene attivato dopo la pressione di un tasto.

Cavo di sincronizzazione

Gli LFO sono anche spesso utilizzati per modificare l’accordatura di un oscillatore sincronizzato che produce effetti interessanti. Ho utilizzato questo principio nel secondo esempio sonoro di questo episodio.

Modulazione di oscillatori sincronizzati

Quando un oscillatore è in sync (sincronizzato) con un altro, l’oscillatore sincronizzato viene sempre riportato all’inizio della sua oscillazione quando l’altro oscillatore riprende la sua oscillazione. Se gli oscillatori sono accordati in modo diverso, si ottengono interessanti strutture di overtone che possono essere messe in movimento dalla modulazione del pitch dell’oscillatore sincronizzato.

Conclusione

Gli LFO sono strumenti versatili per aggiungere movimento e vita ai suoni dei sintetizzatori e VST. Sono adatti non solo per gli effetti standard come il vibrato e il tremolo, ma anche per i battiti sottili, le modulazioni morbide e numerosi trucchi di sound design più specializzati.

A seconda delle opzioni che il rispettivo sintetizzatore offre per collegare gli LFO con le destinazioni di modulazione, le aree creative di applicazione sono molto diverse. Come sempre, il modo migliore per esplorare le possibilità è attraverso prove ed errori. Divertiti!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

+ 43 = 47